L'emigrazione italiana

italian-immigration

L'Italia ha una lunga tradizione di esplorazione ed emigrazione, da Amerigo Vespucci a Cristoforo Colombo e Giovanni Caboto. Per secoli, gli Italiani sono stati esploratori, inventori ed avventurieri. Dal 1800, gli Italiani sono emigrati in altri paesi per una serie di motivi, ma soprattutto per opportunità di lavoro e crescita. Milioni di Italiani sono emigrati in Brasile, Argentina, Stati Uniti, Canada, e in altri paesi tra il 1880 e il 1920. Quasi 80 milioni discendenti di immigrati Italiani 1 vivono oggi fuori dall'Italia, rendendo rintracciare il proprio retaggio italiano una ricerca che interessa persone in tutto il mondo.

Una breve storia: chi erano questi emigrati italiani e perché hanno lasciato il proprio paese

"La nostra gente deve emigrare. È una questione di vita troppo sconfinata e troppo spazio."— Pascal d'Angelo, Figlio d'Italia

Italiani e l'immigrazione italiana in America

L'Italia era storicamente costituita da città stato che si unirono (l'Unificazione) tra il 1859 e il 1871 per aiutarli ad essere più indipendenti dal dominio straniero. Il nuovo governo aveva nuove idee e causò cambiamenti politici e culturali. In più occasioni, hanno sottolineato il colonialismo italiano e la diffusione della lingua e cultura italiana in tutto il mondo. L'Unità provocò aumenti delle tasse e divisioni socioeconomiche tra il Nord e il Sud dell'Italia. Molti cittadini, prevalentemente poveri italiani meridionali nelle zone rurali, decisero di sfuggire alla povertà e migliorare la loro vita cercando migliore occupazione e opportunità di crescita futura in altri paesi. Questi emigranti italiani erano per lo più poveri operai e contadini, ma comprendevano anche alcuni artigiani e mercanti. Avevano una forte etica del lavoro.

Prima del 1890, una maggior parte degli immigrati italiani erano originari del nord Italia. Dopo il 1890, la maggior parte dell'emigrazione era concentrata nel mezzogiorno d'Italia – Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna. Tra il 30 e il 50 percento degli emigrati italiani tornò in Italia nel giro di cinque anni2. Coloro che non tornarono, trapiantarono il loro profondo amore per la loro famiglia e il loro retaggio e cultura italiana nei loro nuovi paesi, e molti inviarono denaro necessario al sostegno delle loro famiglie ancora in Italia.

Destinazioni degli emigrati italiani

I principali porti d'imbarco dall'Italia sono stati Genova, Napoli e Palermo. I principali paesi di destinazione sono stati Brasile, Argentina, Stati Uniti, Venezuela e Canada, ma altri paesi di destinazione potrebbero sorprendervi (vedere la tabella qui di seguito).

Di solito c'erano vari porti di entrata in ogni paese. Per esempio, quando si ricerca l'immigrazione italiana in America, potreste iniziare a ricercare i documenti d'immigrazione da New York, Boston, Philadelphia e New Orleans, in quanto questi erano alcuni dei porti principali. Assicuratevi di non limitarvi ad un porto nella vostra ricerca sul retaggio italiano. Mia nonna mi ha detto che il mio bisnonno Bartolomeo Gambino è arrivato negli Stati Uniti a New York. La realtà è che è arrivato a Boston. Inoltre, non stupitevi se trovate antenati che arrivarono nel loro nuovo paese più volte. Alcuni emigrati italiani non volevano rimanere per sempre, oppure una volta arrivati, decisero di tornare in Italia a prendere il resto della famiglia, oppure ad andare in visita per un certo periodo. Poiché i periodi di picco dell'emigrazione italiana furono dal tardo 1800 all'inizio del 1900, i parenti hanno spesso ricordi di dove e quando la loro famiglia emigrò.

Documenti dell'emigrazione italiana

Potete prendere in considerazione molti tipi di documenti dell'emigrazione italiana quando fate ricerche sulla vostra storia familiare italiana. I tipi di documenti chiave variano a seconda del paese. In Italia, possono esistere i seguenti documenti.

  • Richiesta di Passaporto: Quando un emigrante italiano si preparava a lasciare la propria patria, doveva compilare una richiesta di passaporto. (Purtroppo, la maggior parte di queste richieste sono andate distrutte; pero', alcune si trovano ancora localmente.)
  • Coscrizioni Militari (Documenti di coscrizione e servizio militare): Questi documenti possono essere un'ottima fonte per identificare la città natia di un antenato.
  • Documenti Religiosi: Questi documenti includono spesso battesimi, nascite, matrimoni e morti, spesso con informazioni su più generazioni.
  • Atti Civili: Guardate in questi atti civili per trovare anche atti di nascita, matrimonio e morte.

Se non siete sicuri su dove sia nato il vostro antenato italiano, una buona regola generale è di iniziare ad esplorare i documenti creati nel paese in cui sono emigrati. Potreste avere ereditato documenti da altri membri della vostra famiglia, quali le registrazioni di stranieri all'estero e carte verdi, passaporti, certificati di nascita, matrimonio e morte, necrologi o ricordini funebri, lettere e altra corrispondenza, documenti di naturalizzazione e così via.
Nei paesi di destinazione, potete anche prendere in considerazione i documenti creati da funzionari governativi e religiosi o organizzazioni locali:

  • Censimenti federali e statali
  • Atti di nascita, matrimonio e morte
  • Documenti religiosi
  • Liste passeggeri
  • Naturalizzazione
  • Documenti militari
  • Elenchi telefonici, giornali, società e associazioni
Documenti gratuiti relativi all'immigrazione italiana e come trovare i vostri antenati

In questa foto, un documento della mia bisnonna Maria Accetta in viaggio con la figlia Filippa Russo nel 1909.

Altre istruzioni per la ricerca di storia familiare italiana

Il modo in cui il nome di un antenato immigrato italiano era scritto sulla lista passeggeri è molto probabilmente il modo in cui il nome era scritto sui documenti in Italia. Le liste erano spesso compilate nel porto di imbarco prima che la nave lasciasse l'Italia. Contrariamente alla credenza popolare negli Stati Uniti, i nomi non sono stati cambiati al porto di entrata, ma soprattutto durante il periodo di assimilazione degli antenati italiani nelle loro nuove dimore. Per esempio, il nome del mio bisnonno era Matteo Russo. L'ho trovato su vari documenti negli Stati Uniti come Mike, Matt e Martin.

Tenete presente che le donne italiane usano tipicamente i loro cognomi da nubile su documenti ufficiali in Italia, il che significa che sulle liste passeggeri, spesso troverete una donna che viaggia sotto il suo cognome da nubile con bambini minorenni che viaggiano sotto il cognome del padre.

Liste passeggeri e altri documenti utili per trovare la vostra famiglia italiana si possono trovare su FamilySearch,Ancestry, e My Heritage. Inoltre, FamilySearch sta pubblicando online la raccolta quasi completa degli atti di stato civile italiani.

In molti casi, gli Italiani non viaggiavano da soli. Se non riuscite a trovare un luogo di origine sui documenti del vostro antenato diretto, guardate ai suoi fratelli, vicini e conoscenti. Dopotutto, è una cosa di famiglia.

Ulteriori fonti storiche sull'emigrazione italiana

  • Mark I. Choate, Emigrant Nation: The Making of Italy Abroad (Nazione Emigrante: Creazione dell'Italia all'Estero) (Cambridge, Mass: Harvard University Press, 2008).
  • Pascal d'Angelo, Son of Italy (Toronto: Guernica Editions, 2003).
  • "Italy Emigration and Immigration" (Emigrazione e Immigrazione d'Italia), FamilySearch wiki, ultima modifica 28 aprile 2018.
  • Jerre Mangione and Ben Morreale, La Storia: Five Centuries of the Italian American Experience (La Storia: Cinque Secoli dell'Esperienza Italo Americana) (New York: Harper Collins Publ., 1992).
  • Joan Rapczynski, "Italian Immigrant Experience in America (1870-1920)," [Esperienza dell'Immigrante Italiano in America (1870 – 1920)],https://teachersinstitute.yale.edu/curriculum/

Note

  1. "Italians," Wikipedia.org, ultima modifica 26 luglio 2018. https://en.wikipedia.org/wiki/Italians.
  2. Trafford R. Cole. Italian Genealogical Records: How to Use Italian Civil, Ecclesiastical, & Other Records in Family History Research (Documenti Genealogici Italiani: Come usare gli atti civili, religiosi e altri documenti nella ricerca di storia familiare) (Salt Lake City: Ancestry Incorporated, 1995).

Articolo di Suzanne Russo Adams, MA, AG®. Suzanne lavora alla strategia del contenuto per FamilySearch ed è stata precedentemente impiegata presso Ancestry.com. Si è laureata alla Brigham Young University, con un B.S. in sociologia, un B.A. nella storia familiare e genealogia, e un Master in storia europea. Ha prestato servizio nei comitati dell'Associazione dei Genealogisti Professionisti (APG), dell'Associazione Genealogica dello Utah (UGA) e della ICAPGen. E' autrice di Finding Your Italian Ancestors: A Beginner's Guide (Trova i Tuoi Antenati Italiani: Una Guida per Principianti) ed è stata ricercatrice principale per la prima stagione della popolare serie TV della NBC Who Do You Think You Are (Chi Pensi di Essere).

authorBy  Laurie Bradshaw
20 ottobre 2020
Dall'Impero Romano al Rinascimento fino ai giorni nostri, l'Italia ha influenzato culture a livello globale con le sue grandi conquiste. Con…
authorBy  Melanie D. Holtz
20 ottobre 2020
Hai degli antenati italiani? Se così fosse, potresti qualificarti per ottenere la doppia cittadinanza italiana sulla sola base del tuo retag…
authorBy  Suzanne Russo Adams
1 febbraio 2019
Scritto da Suzanne Russo Adams e Joel ColeSe stai incontrando delle difficoltà a fare ricerca genealogica in Italia, fatti coraggio! Ora mol…
authorBy  Suzanne Russo Adams
9 febbraio 2021
Pensate di avere un cognome italiano? Finisce con la lettera "o", "e", "a" o "i" per cui dovrebbe essere italiano, giusto? E' probabile che …

Tag
About the Author