Come affrontare un lutto e in che modo la storia familiare può essere utile

Confortare qualcuno che sta affrontando un dolore e una perdita.

Il dolore che proviamo per la perdita di una persona cara può essere insostenibile. Probabilmente avete provato questo profondo dolore nella vostra vita o l’avete visto nella vita di un membro della famiglia o di un amico. Sapete quanto possa essere sconfortante e addirittura devastante.

È possibile fare qualcosa per aiutare noi stessi o le persone che amiamo a elaborare il lutto? Naturalmente ogni situazione è diversa, ma gli esperti dicono che capire alcuni principi basilari può essere d’aiuto e che trovare il modo di preservare e condividere con gli altri il ricordo della persona cara può essere una potente fonte di conforto.

Il dolore è una delle esperienze umane più fondamentali

Circa mille anni fa, il filosofo italiano Tommaso d’Aquino scrisse:

Come può testimoniare chiunque abbia vissuto un lutto significativo, ondate di dolore possono sopraggiungere senza preavviso, suscitate dal più semplice degli stimoli, dalla vista di una donna che assomiglia all’amata moglie ormai deceduta, dal suono di una voce simile a quella di un fratello morto da tempo o da un sorriso uguale a quello di un figlio tanto rimpianto. Persino il profumo del piatto preferito di una persona amata mentre si cucina o il sentore di un profumo o di una colonia speciale può “scatenare” sentimenti intensi di nostalgia, il dolore per la mancanza di una persona cara che non c’è più.1

Signora anziana che piange la perdita del marito.

Nonostante siano antiche, le parole di Aquino sembrano scritte ieri, a testimonianza di quanto il dolore sia universale e fondamentale nell’esperienza di quasi tutti gli esseri umani. Il dolore è la nostra risposta naturale alla perdita.

Qui la parola naturale è importante. Le reazioni al dolore saranno diverse da persona a persona, a volte in modo drastico. Ciò, però, non vuol dire che una reazione sia intrinsecamente migliore o più opportuna di un’altra. La nostra reazione dipende in larga misura dalla nostra personalità e dalle strategie di adattamento che utilizziamo. A volte, tali metodi sono scelte deliberate e consapevoli su cui riflettiamo e meditiamo, e a volte non lo sono: sono solo il modo in cui il nostro corpo e la nostra mente reagiscono, e va bene così.

Essere pazienti con noi stessi e con gli altri

Steven Eastmond, un terapeuta accreditato, scrive che “il dolore può generare disperazione, ansia, rabbia, negazione, senso di colpa, stanchezza inabilitante, difficoltà a controllare le emozioni, mancanza di concentrazione, perdita di interesse nei confronti di persone o attività e senso di sopraffazione”. Queste sono emozioni dolorose e potremmo essere tentati di ignorarle o di nasconderle agli altri. Eastmond afferma che ciò può addirittura acutizzare il dolore e può impedirci di sentirci meglio. “L’elaborazione del lutto non è un processo breve”, dice. “Abbiate pazienza e dategli tempo. Come nel caso di una ferita fisica, il dolore causato dalla perdita di una persona cara richiede un determinato tempo di guarigione”.2

Un marito aiuta la moglie ad affrontare il dolore dopo un lutto.

Inoltre, possiamo dimostrare maggiore pazienza quando interagiamo con amici o familiari che stanno soffrendo. Magari abbiamo difficoltà a sapere cosa dire. In Lamento per un figlio, l’autore, Nicholas Wolterstorff, consiglia:

Alcune persone sono dotate di parole di saggezza. Di questo siamo profondamente grati. […] Ma non tutti hanno questo dono. […] Le vostre parole non devono essere sagge. Il cuore che parla si fa sentire più delle parole dette. E se non vi viene in mente assolutamente niente, limitatevi a questo: “Non mi viene in mente nulla da dire. Ma voglio che tu sappia che ti siamo vicini in questo momento”.3

A volte il solo fatto di esserci è la cosa migliore e l’unica che si possa fare per sostenere una persona cara che sta soffrendo. Come ha detto l’autore Roger Rosenblatt: “Che differenza c’è tra la sofferenza e il lutto? Nel lutto si ha compagnia”4.

Per coloro che stanno soffrendo

Gli esperti dicono che sono molte le cose che le persone possono fare per affrontare il dolore. Un articolo sull’argomento pubblicato su Cancer.Net sottolinea l’importanza dell’attività fisica e del mantenimento di una routine per “rimanere legati alle persone e ai luoghi familiari”. Esorta anche al perdono: “Perdonatevi per le cose che rimpiangete di aver fatto o detto alla persona cara. Perdonatevi anche per le cose che rimpiangete di non aver fatto o detto”5.

Bambino che soffre seduto su un tomba.

A motivo del COVID-19, i Centers for Disease Control and Prevention [centri per la prevenzione e il controllo delle malattie] forniscono attualmente diverse raccomandazioni dettagliate per aiutare le persone ad affrontare il lutto, quali il fatto di creare e serbare i ricordi della persona cara e di invitare familiari e amici a fare lo stesso.

Il sito suggerisce anche di partecipare ad “attività, quali piantare un albero o preparare un pasto preferito, che abbiano un significato per voi e per la persona cara deceduta”. Trovare modi per onorare la persona che vi manca può portare una certa pace e alleviare parte del dolore che provate.6

Rendere omaggio alla persona a voi cara tramite la storia familiare

Se siete in lutto per un amico o per un familiare potreste caricare un ricordo su FamilySearch o su un altro sito di storia familiare per celebrare la persona in questione. Gli altri possono vedere su FamilySearch i ricordi che avete caricato e voi potete salvare foto, storie scritte, documenti scansionati e persino registrazioni vocali. In ogni caso, il procedimento è lo stesso. Una volta caricato il ricordo, assicuratevi di contrassegnarlo con un tag. Il tag identifica la persona del ricordo e la collega alla sua pagina di FamilySearch. Questo rende il ricordo più facile da trovare. Potete anche usare l’opzione di condivisione di Ricordi, nel sito o nell’applicazione, per condividere il ricordo sui social media o per e-mail.

Scoprite di più qui su come aggiungere i ricordi oppure iniziate creando un account FamilySearch gratuito.

Una famiglia accende una lanterna in memoria di una persona cara.

Trovare la forza di andare avanti

Il lutto può essere un’esperienza straziante e potrebbe essere necessario parlare con un professionista accreditato per individuare il vostro prossimo passo. “Consulenza per lutto” e “Consulenza per perdita persona cara” sono ottimi termini di ricerca da usare se state cercando aiuto su Internet. Potete provare anche a rivolgervi a un servizio telefonico anticrisi come Befrienders Worldwide o Crisis Text Line [Amici nel mondo o Servizio di messaggistica in caso di crisi].

Durante questo periodo doloroso, ricordatevi di non trascurarvi. Il vostro corpo ha bisogno di dormire e di allenarsi. Alla vostra mente serve compagnia. Rimanete in contatto con amici e familiari e continuate a dedicarvi ai vostri passatempi. Potreste avere la sensazione che le emozioni dolorose non se ne andranno mai, ma la ricerca, la storia e le esperienze di milioni di persone che ci sono passate prima di voi possono darvi la speranza che anche le ferite più profonde alla fine guariranno e che i ricordi della vostra persona cara possono diventare una fonte di gioia profonda.

Risorse

About the Author